Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Cos’è il Poke Bowl Pollo: preparazione e ricetta

Cos'è il Poke Bowl Pollo

Tra le tendenze culinarie più apprezzate e in netta tendenza, il Poke Bowl sta conquistando davvero tutti. Del resto, si tratta di piatto sano, completo e molto gustoso. Il Poke Bowl è un piatto della tradizione hawaiana ricco e completo, servito in una ciotola (da cui appunto il nome “bowl”) a base di riso, verdure e pesce crudo a cubetti (poke, infatti, significa “tagliare a pezzi” in lingua hawaiana), a cui vanno aggiunti vari condimenti tra cui olio, avocado e semi.

Il fattore estetico gioca un ruolo fondamentale in questo piatto: i poke si presentano, infatti, con colori vivaci e invitanti e si prestano perfettamente anche alla condivisione delle immagini sui social.

Tra le ricette più apprezzate in Europa, troviamo come ingredienti principali il tonno e il salmone e l’altrettanto gustosa alternativa con il pollo, scelta da moltissimi amanti del genere.

Cos’è il “Poke Bowl”

Come anticipato, il Poke nasce come piatto povero della cucina hawaiana. Esso veniva utilizzato dai pescatori per poter smaltire gli avanzi di tutto quello che era stato pescato. È ormai diffuso in tutto il mondo e apprezzatissimo anche dai palati più esigenti, oltre ad essere diventato un vero e proprio fenomeno virale su social come TikTok.

Il Poke è un piatto estremamente salutare ma anche molto goloso che, rispettando la ricetta tradizionale, deve contenere un terzo di verdure, un terzo di proteine e un terzo di carboidrati per avere il perfetto equilibrio di gusto e nutrimento.

Cos'è il Poke Bowl Pollo - ricetta

Inoltre, in Occidente il Poke viene condito al momento mentre nella ricetta tradizionale hawaiana tutti gli ingredienti vengono lasciati insaporire, come fosse una marinatura, prima del consumo. Il Poke può essere preparato in moltissimi modi diversi, utilizzando gli ingredienti che si ritengono più adatti al proprio gusto.

Ricetta e preparazione per 4 persone

Come anticipato, una delle caratteristiche principali di una Poke Bowl è che tutti gli ingredienti devono essere disposti in maniera molto ordinata, quasi coreografica. Per realizzare una poke bowl perfetta, inoltre, occorre utilizzare tutti i nutrienti necessari per un buon pasto completo.

L’ingrediente da cui partire è il riso o, in alternativa, farro o orzo integrale, semplicemente lessati. In aggiunta, si possono scegliere ingredienti stagionali facendo in modo che i gusti si mescolino in maniera ottimale. Se la fonte di proteine preferita è il pollo, il consiglio è di optare per un petto o per le cosce, private dell’osso.

Il pollo è versatile e nutriente ed è perfetto sia per le ricette della tradizione che per un pasto esotico come questo. Un trucco per un risultato ancora migliore è quello di tagliare tutti gli ingredienti della dimensione massima di un boccone, affinché lo si possa gustare comodamente anche con le bacchette.

IngredienteQuantità
Cosce di pollo5
Cetrioli2
Riso Basmati180 grammi
Paprika2 cucchiai
Melone250 grammi
Salsa di soia2 cucchiai
Succo di limone10 ml
Spinaci50 grammi
Salequanto basta

Tutto ciò che occorre per preparare il Poke al pollo

Preparare un buon Poke fatto in casa non è difficile, bastano pochi ingredienti e tanta creatività. Si parte dal riso: le qualità ideali per preparare un ottimo Poke sono il Basmati e il Jasmine, da cuocere come vuole il tradizionale metodo di cottura della cucina giapponese, ovvero a fiamma bassa.

Si passa, poi, alle salse: le Poke Bowls sono condite tradizionalmente con olio di sesamo e salsa di soia, ma è possibile personalizzare in base alla ricetta utilizzando, ad esempio, la salsa teriyaki o la salsa poke, una miscela ricca a base di salsa di soia a fermentazione naturale, olio di sesamo tostato, succo di limone, alghe marine e peperoncino e tutto ciò che la fantasia suggerisce.

Soprattutto in caso di ospiti, è sempre utile ricordare che anche l’occhio vuole la sua parte e, di conseguenza, che qualunque pietanza vuole il giusto impiattamento. Per quanto riguarda il Poke, è bene scegliere una ciotola rotonda e abbastanza capiente da contenere perfettamente tutti gli ingredienti, dando profondità al condimento. Meglio ancora se la scelta ricade su un prodotto naturale, riutilizzabile, resistente e leggero, per un impatto più “green” con l’ambiente.

Dopo aver procurato questi ingredienti, diventa fondamentale “accendere” la fantasia o aiutarsi con un buon libro di ricette, cercando un manuale pratico dove trovare tantissime ricette di bowls salate e dolci, adatte a pranzi, cene, colazioni e merende.

Calorie e proprietà

Essendo un piatto leggero e bilanciato, il poke è ideale per l’estate e, soprattutto, è ottimo anche per chi è attento alla linea. Esso infatti, si presta molto bene alle diete ipocaloriche e normolipidiche.

Il suo equilibrio deriva dal fatto che è tendenzialmente composto da carboidrati, vitamine, sali minerali e proteine. A differenza del sushi, ad esempio, non prevede l’uso dello zucchero nella marinatura, ed è un pasto più completo.

Rappresenta una fonte di carboidrati complessi e di grassi “buoni”, come gli omega 3, essenziali per la salute delle arterie e del sistema cardiovascolare. Inoltre contiene proteine fondamentali per rigenerare, nutrire e aumentare la massa muscolare. Le verdure, la frutta fresca o secca, infine, forniscono all’organismo un mix di vitamine, antiossidanti e fibre. Si tratta, quindi, di un piatto unico e completo, ma anche poco calorico.

Secondo numerosi nutrizionisti, di conseguenza, chi segue una dieta può consumare il poke come pasto completo anche due volte a settimana, facendo attenzione a non esagerare con la salsa di soia e di sesamo.

Le Hawaii incontrano il giappone

Il pollo teriyaki rappresenta un classico della cucina giapponese. Secondo la tradizione, ogni pietanza cucinata con la salsa teriyaki deve essere consumata con del riso al vapore e delle verdure come guarnizione.

Per preparare al meglio questo piatto è possibile utilizzare tutte le parti del pollo, anche se il consiglio è quello di usare le sovra cosce perché, come le cosce, rimangono molto più succose. La ricetta è semplicissima e si prepara in pochissime mosse.

Il pollo teriyaki va, innanzitutto, disossato e poi mescolato in un recipiente con gli ingredienti per la marinatura. La carne va massaggiata e, successivamente, messa a riposare in frigorifero almeno per 30 minuti. Più a lungo sarà il riposo e più la carne risulterà insaporita. Terminata la marinatura, bisogna cuocere il pollo al barbecue o alla piastra.

Il riso va messo in una bacinella e sciacquato finché l’acqua non risulta limpida. Successivamente, va versato in un pentolino con dell’acqua. Con la fiamma al minimo, la cottura deve proseguire per 12-15 minuti. A cottura ultimata, è necessario lasciare intiepidire il riso prima di usarlo.

Va, inoltre, affettato sottilmente del cetriolo. Bisogna riunire in una ciotolina tutti gli ingredienti della composizione, per poi condire il poke prima di servirlo. La bowl va composta adagiando sul fondo il riso e distribuendo in maniera ordinata il resto degli ingredienti: pollo teriyaki, insalata di cetriolo e avocado. Infine, è possibile spolverare la poke a piacere con i semi di sesamo e un po’ di menta.

L’alternativa per i più piccoli

Per preparare questa ricetta, altrettanto gustosa e più trasversale perché adatta agli adulti ma anche ai più piccoli, bisogna rispettare lo stesso procedimento utilizzato per il riso nella ricetta precedente.

Successivamente, bisogna tagliare delle cipolle a spicchi e far cuocere acqua, aceto e zucchero per poi sbollentare all’interno gli spicchi di cipolla per un minuto circa. Una volta spento il fuoco, è necessario lasciare le cipolle nell’acqua di cottura per almeno 15 minuti.

Nel frattempo è possibile battere i filetti di pollo fino ad ottenere fette omogenee di circa 1 cm di spessore. Successivamente, bisogna passare i filetti di pollo nella farina su entrambi i lati e condire con sale, pepe e curry in polvere. Fatto questo, bisogna passare le fette nell’uovo sbattuto e nel pangrattato. Preparato il pollo, deve friggere in olio per circa 5 minuti per lato.

Per un tocco ulteriore di gusto, è possibile aggiungere dei fagioli edamame e del cavolo a fette sottili, da mescolare con la salsa. Tagliare poi l’avocado a fette e aggiungerlo al riso insieme al cavolo, ai fagioli edamame, alle cipolle sott’aceto e chiaramente al pollo. È possibile servire il piatto con del lime, per gli amanti di questo tipo di sapore.

Articoli correlati
rimedi contro la periartrite

Principali rimedi naturali la periartrite

I rimedi per la periartrite possono rappresentare un’ottima soluzione per riuscire a risolvere in modo naturale e progressivamente un dolore costante e davvero molto invalidante