Sonny Sleep integratore naturale per dormire a base di Melatonina | 30 Compresse Naturali
16.90€
Migliore prodotto dell'anno
100% ingredienti naturali
Garanzia Amazon soddisfatto o rimborsato
VISUALIZZA OFFERTA
Valutazione Amazon
ZzzQuil Natura Integratore per il Sonno, con Melatonina per Dormire ed Estratti di Lavanda, Valerian...
34.49€
Prodotto venduto su Amazon
Sconto del 10% sul primo acquisto
Made in Italy
VISUALIZZA OFFERTA
Valutazione Amazon
ZzzQuil Natura Integratore Per Il Sonno Con Melatonina Per Dormire Ed Estratti Di Lavanda, Valeriana...
29.49€
Garanzia Amazon
Sconto sul primo acquisto
VISUALIZZA OFFERTA
Valutazione Amazon
GRIFFONIA 5-HTP Alto Dosaggio Piulife® ● 200 Compresse da 400mg Triptofano Precursore della Serot...
17.9€
Venduto da Amazon
VISUALIZZA OFFERTA
Valutazione Amazon

Il biancospino è un arbusto spontaneo che nasce e cresce un po’ ovunque, dato che non richiede particolari condizioni climatiche. Il biancospino si presenta come un piccolo arbusto dalle foglie larghe verde scuro e spinose, con delle bacche grandi quanto il nocciolo di una ciliegia, dai quali sbocciano profumatissimi fiori a grappolo di un colore molto chiaro, bianco, puntellati di nero.

Del biancospino sono impiegati bacche, foglie e fiori per assolvere scopi di varia natura. A che cosa serve il biancospino? Viene impiegato in particolare in erboristeria per sopperire a insufficienze cardiache lievi, stati d’ansia, stati di agitazione, aritmie, palpitazioni, e ipertensione arteriosa lieve.

Il biancospino è infatti è anche chiamata la pianta del cuore, proprio per le sue proprietà benefiche a carico dell’apparato cardio circolatorio. A cosa serve il biancospino? Questo piccolo arbusto ha tantissime proprietà, che sono tutte a carico del sistema cardiaco e quello mentale.

Tra le diverse caratteristiche benefiche del biancospino a cosa serve, ritroviamo: proprietà ansiolitiche, sedative e antispasmodiche. Infatti, il biancospino viene assunto per trattare in modo naturale stati di ansia lieve, per placare l’ansia, per sedare gli stati di agitazione nella persona, per indurre il sonno e quindi per trattare insonnia lieve.

A cosa serve biancospino è in particolare utilizzato per contrastare leggeri attacchi di tachicardia e palpitazioni, è anche un fortissimo vasodilatatore naturale. In generale il biancospino viene assunto tramite infusi o tinture madri.

Viene usato anche per realizzare tisane da bere semplicemente per puro piacere, considerando che i fiori hanno un piacevole aroma e un profumo molto tranquillizzante. Infatti, la fragranza biancospino è molto impiegata anche nella produzione di profumatori ambientali.

4 prodotti consigliati con biancospino  – Matt

Il primo integratore alimentare di oggi è realizzato dall’azienda Matt, si presenta in forma liquida ed è acquistabile in un flacone di vetro scuro con contagocce incluso. Questo è un integratore alimentare dalle proprietà rilassanti, che può dare sollievo in situazioni di forte tensione, stress e insonnia.

Gli ingredienti che compongono il prodotto sono passiflora, valeriana, biancospino, tiglio. Biancospino a cosa serve è consigliato per trattare stati di ansia, stress e tachicardia.

In combinazione con le altre piante contenute in questo integratore alimentare, può avere effetti benefici sui soggetti che l’assumono: una condizione tranquilla e rilassata in poco tempo. Infatti, il prodotto agisce in pochi minuti.

La posologia indicata dal produttore è di almeno 20 gocce due volte al giorno, diluite in una tazzina d’acqua, lontano dai pasti. Il contagocce è presente nella confezione.

Biancospino a cosa serve a gestire e calmare gli stati di ansia, insonnia e tachicardia. Gli ingredienti presenti in questo integratore alimentare  munito di contagocce sono: acqua, poli estratto molle composto da passiflora 40,6%, Valeriana 29%, Biancospino 20,3%, Tiglio 10,1%.

Il prodotto è privo di glutine. Un integratore alimentare studiato per chi necessità di relax. Contiene passiflora, che è in grado di indurre una sensazione di rilassamento, la valeriana invece è utile per favorire il sonno in presenza di stress.

Biancospino a cosa serve è in grado di combattere stati ansiosi. Il Tiglio favorisce il rilassamento. Il flacone contiene 50 ml di prodotto ed è fornito di contagocce.

Erbecedario

Il secondo integratore alimentare è realizzato dall’azienda italiana Erbecedario ed è veduto in una bottiglietta di vetro scuro ed è munito di contagocce. Questo prodotto aiuta a favorire il rilassamento muscolare e mentale dell’organismo e per  un profondo e corretto riposo notturno.

È un concentrato di varie piante, fra le quali valeriana, biancospino, passiflora e melissa. L’integratore nello specifico contiene: alcool etilico, acqua, valeriana radice, biancospino foglie e fiori, passiflora parte aerea fiorita, melissa foglie.

Biancospino a cosa serve questa pianta interviene soprattutto sul sistema nervoso, consentendo alla persona che lo sta integrando di calmarsi in breve tempo ed entrare in uno stato di pace, rilassando tutti i muscoli e l’organismo. Viene realizzato artigianalmente in laboratori che si trovano sui Monti Lessini, in provincia di Verona, e quindi parliamo di un prodotto Made in Italy.

La posologia indicata dal produttore è assumere 60 gocce, 2 volte al giorno, per un totale di 120 gocce al giorno sciolte in un bicchiere d’acqua, preferibilmente dopo i pasti. L’ideale sarebbe un’assunzione costante per almeno un mese per poter beneficiare di un sollievo totale.

Il prodotto è da 100 ml, in un flacone dal vetro scuro e munito di contagocce. Un solo flaconcino basta per coprire gli utilizzi di un mese.

Trascorso un mese, il prodotto può essere usato per massimo di tre mesi consecutivi. Passati i tre mesi, si consiglia una pausa di almeno due settimane. Si consiglia di non esagerare con le dosi in quanto il prodotto può fare un effetto lassativo sull’organismo.

Dr. Giorgini

Il terzo integratore alimentare di oggi in esame è realizzato dall’erborista Dr. Giorgini. Questo articolo è made in Italy ed è in particolare è consigliato per chiunque soffra di problemi d’insonnia.

Il prodotto è venduto in pastiglie. Ogni confezione contiene 60 pastiglie. Questo prodotto a base di biancospino è ideale essere di supporto a contrasto di altri sintomi.

Biancospino a cosa serve supporta il benessere dell’apparato cardiovascolare. È consigliato anche per promuovere uno stato di benessere e rilassamento mentale.

Biancospino a cosa serve svolge anche una funzione antiossidante. Può essere usato durante gli attacchi di tachicardia o palpitazioni, oppure qualsiasi disturbo che alteri il ritmo cardiaco.

Gli ingredienti sono biancospino foglie, maltodestrine da mais o riso, cellulosa microcristallina, gomma arabica, silicio biossido, magnesio stearato di origine vegetale. La dose indicata per un effetto benefico indicato dall’azienda è di due pastiglie la mattina e due la sera, per un totale di quattro pastiglie al giorno.

Integrare le pastiglie preferibilmente lontano dai pasti. Biancospino a cosa serve? Questo integratore è molto utilizzato per portare l’organismo in uno stato di rilassamento e per placare attacchi di panico o stati di ansia. Biancospino a cosa serve è ottimo anche per migliorare problemi cardiovascolari, in quanto il biancospino è considerata la pianta del cuore.

Biancospino a cosa serve risulta essere un ottimo alleato naturale per calmare stati ansiosi, tachicardia, palpitazioni, nervosismo, stress, ansia e insonnia. Si consiglia di ascoltare il parere di un medico prima di iniziare una cura a base di integratori alimentari.

Vegavero

Il quarto ed ultimo prodotto di oggi è realizzato dall’azienda Vegavero. È acquistabile in confezione da 90 capsule ed è particolarmente consigliato per le persone che abbiano compiuto almeno i cinquant’anni di età.

Biancospino a cosa serve? Questo integratore è stato pensato in particolare per aiutare dare sollievo da problemi cardiovascolari. Gli ingredienti principali sono: Aglio nero estratto secco del bulbo, arancio estratto secco del frutto con 90% di esperidina, karkadè estratto secco di fiori con 10% di polifenoli, biancospino estratto secco di fiori con 3% di flavoni, estratto di soia fermentata, coenzima Q10, vitamina B1 e  Vitamina B6.

Tutti gli ingredienti usati sono frutto di un’accurata selezione di elementi che ha prodotto la ricetta perfetta per migliorare la circolazione sanguigna. Il prodotto è a base di Aglio Nero, Biancospino, Coenzima Q10, Esperidina, Nattochinasi, Ibisco e Vitamina B1 e B6.

Inoltre, hanno selezionato anche due ingredienti particolarmente rinominati: un estratto d’arancia clinicamente testato standardizzato al 90% di esperidina e un estratto di soia fermentata ricco di un enzima chiamato nattokinase. L’integratore è totalmente bio e ideale per i vegani, infatti non contiene additivi come il magnesio stearato e non continente OGM.

Ogni confezione contiene 90 capsule e si consiglia di assumere 2 capsule al giorno. Biancospino a che serve questo integratore può essere utilizzato anche per tenere a bada la tachicardia e le palpitazioni, si consiglia di utilizzarlo costantemente per almeno 3 mesi per ottenere tutti i benefici della pianta di biancospino.

A cosa serve il biancospino: scopriamo qualcosa in più

Biancospino a cosa serve? Il biancospino è particolarmente impiegato in erboristica per le sue caratteristiche ansiolitiche e sedative. Infatti, questo arbusto viene usato da secoli perché interviene prontamente e in poco tempo sul sistema nervoso centrale e viene usato per placare o ridurre stati d’ansia, di irritabilità e per gestire e sedare le emozioni delle persone che soffrono cronicamente di stati agitati e ansiosi.

A cosa serve il biancospino tra le varie proprietà viene impiegata anche per  migliorare la qualità del sonno, che può essere compromessa appunto dagli stati d’ansia e di agitazione. Infatti, l’uso di questo piccolo arbusto supporta la discesa in un sonno profondo, libero dalle inquietudini giornaliere.

Molte soggetti, al giorno d’oggi, vengono colpiti da stati ansiosi e utilizzano il biancospino, in combinazione con altre erbe, come rimedio naturale più efficace. Dunque il biancospino a cosa serve per contrastare gli stati di ansia e agitazione, è preferibile l’uso di questa la pianta sotto forma di tisane e infusi contenenti altre tipologie di piante che danno lo stesso risultato.

Molte persone bevono infusi aromatici a base di biancospino anche semplicemente perché ne apprezzano il sapore dolciastro e molto accomodante. Le piante che lavorano bene con il biancospino sono il tiglio, la passiflora, la camomilla, la valeriana e la melissa.

E tante altre. Biancospino a cosa serve? Altre proprietà della pianta di biancospino sono quelle a favore del sistema cardio circolatorio.

A che cosa serve il biancospino: usi

Il biancospino a cosa serve? E’ la domanda che ci siamo posti in questo articolo e adesso ne scopriamo gli usi. Viene soprattutto impiegato per supportare problemi legati all’apparato cardiovascolare.

Biancospino a cosa serve ? È stato osservato come sia un ottimo alleato naturale alla tachicardia e alle palpitazioni, infatti si è conosciuto anche con il nome “pianta del cuore”. Biancospino a cosa serve: è  capace di diminuire i battiti del cuore, riducendo drasticamente situazioni spiacevoli come la tachicardia e le palpitazioni.

Dunque il biancospino ha una funzione cardioprotettive. Infatti, diminuisce i battiti cardiaci consentendo di rafforzare la forza contrattile del cuore, inibendo la formazione di aritmie cardiache.

Il biancospino è anche un fortissimo vasodilatatore naturale. Biancospino a cosa serve: ad aiutare l’organismo a rilassarsi, infatti, il profumo dei fiori di biancospino hanno delle proprietà naturali che inducono il relx fisico e mentale.

Anche per questo motivo è molto utilizzato nell’aromaterapia: recenti studi hanno osservato che il semplice profumo dei boccioli in fiore del biancospino ha indotto uno stato di tranquillità, di calma e di pace interiore a chi lo ha sentito. Per questo motivo, i fiori di biancospino sono impiegati anche come ingrediente in saponi e detersivi per bucato.

Inoltre spesso sono usati anche per creare deodoranti per ambienti. L’estratto di biancospino è impiegato anche in cucina a scopo alimentare.

Viene utilizzato per aromatizzare dolci e creare digestivi. Il biancospino è anche un ottimo rimedio casalingo per stati febbrili o per contrastare attacchi di tosse e mal di gola.

Infatti, è facile trovare su internet ricette per creare sciroppi zuccherati a base di biancospino.

Conclusioni

Per concludere, l’uso del biancospino è indicato soprattutto perché fa bene al cuore e alla mente. Biancospino a cosa serve: è impiegato in diversi campi, e in particolare si utilizza per contrastare stati ansiosi, depressione, difficoltà a dormire, agitazione, insonnia e tanti altri problemi possibilmente legati ai disturbi ansiosi.

Biancospino a cosa serve? Assumere questi prodotto di origine naturale, con te, tisane o attraverso integratori alimentari, aiuta in situazioni di problematiche cardio vascolari, in quanto molte ricerche hanno potuto dimostrare che riesce a migliorare condizioni cardiache quali palpitazioni, tachicardia, aritmie cardiache e vascolari.

Online ci sono svariati integratori alimentari a base di biancospino, alcuni in compresse altri in gocce, ed è disponibile anche la tintura madre. I benefici sono tanti e le controindicazioni poche, ma nonostante ciò è consigliabile sentire il parere del medico curante prima di iniziare una cura a base di integratori alimentari di alcun genere.

Scopri altri articoli sul nostro sito e sulle pagine social dei nostri partner.