Integratore passiflora: proprietà e benefici

integratore passiflora

Al giorno d’oggi, sono molte le persone che presentano disturbi legati al sonno oppure il sonno disturbato. Ciò è dovuto, principalmente, alla presenza di una vita frenetica e problematica, che non permette il riposo fisico e mentale.

Molte persone cercano di curare disturbi come l’insonnia, lo stress, l’ansia o il sonno disturbato ricorrendo a rimedi naturali, principalmente erboristici. Alcune piante, infatti, vengono utilizzate fin dall’antichità per curare problemi legati sia alla sfera fisica sia alla sfera mentale.

Queste soluzioni naturali sembrano funzionare correttamente, fino a quando non si tratta di problemi che hanno bisogno di soluzioni farmacologiche. Uno di questi rimedi naturali risulta essere, infatti, l’utilizzo di una pianta conosciuta col nome di passiflora.

Che cos’è la passiflora? Generalità, descrizione e caratteristiche

La passiflora è una pianta erbacea perenne. Questa pianta si presenta come rampicante, può raggiungere i 10 metri d’altezza e presenta uno stelo particolarmente robusto e legnoso.

Le foglie di questa pianta risultano essere verdi e coperte di peluria sottile. I fiori sono di colore bianco all’interno e verde all’esterno. I petali interni dei fiori possono avere colorazioni che variano dal bianco al rosa pallido. Il frutto di questa pianta, una volta maturo, può essere mangiato.

Da alcune specie di questa pianta, infatti, viene estratto il frutto presente in diversi drink e cocktail, che viene chiamato comunemente frutto della passione. Il nome scientifico di questo frutto è maracuja. In erboristeria, della pianta della passiflora vengono utilizzate principalmente le foglie, sia essiccate sia fresche.

integratore a base di passiflora

A cosa serve la passiflora? Gli utilizzi in ambito erboristico e fitoterapico

Della pianta di passiflora vengono utilizzate le foglie. Molti studi hanno dimostrato che le foglie di questa pianta contengono proprietà sedative. Questa pianta, quindi, è un ottimo rimedio naturale per alleviare stati che interessano la sfera psicologica dell’organismo umano. Sono quindi rilassanti naturali, in grado di curare l’insonnia e il sonno disturbato.

Con le foglie di questa pianta si possono curare e alleviare stati di irrequietezza e anche leggeri attacchi di panico. Le foglie fresche della pianta di passiflora possono anche essere tritare ed utilizzate per trattare spasmi muscolari dovuti magari ad un eccessivo allenamento o un movimento sbagliato del muscolo e dell’articolazione.

Dalla pianta di passiflora vengono estratte le proprietà sedative benefiche per l’organismo tramite diversi processi che mantengono inalterati i principi attivi contenuti nelle foglie della pianta. In ambito farmacologico sono molti i farmaci, principalmente ansiolitici, che contengono estratti della pianta.

Ciò è dovuto alle proprietà della pianta che risultano essere altamente efficienti per trattare disturbi che interessano principalmente la sfera psichica umana. In ambito erboristico, invece, è possibile trovare lozioni, unguenti ma anche integratori alimentari a base di passiflora. È possibile acquistare rimedi naturali a base di passiflora in farmacia e in erboristeria.

benefici principali dell’integratore alla passiflora

Gli integratori alla passiflora sono molto utilizzati per trattare stati ansiosi e sonno disturbato. L’integratore che contiene passiflora può essere acquistato tranquillamente in farmacia o in erboristeria, ed è disponibile anche online.

Questa tipologia di integratore alla passiflora è disponibile in diversi formati, a seconda delle preferenze dell’utente. È disponibile, infatti, in pillole, in compresse, in polvere ma anche in forma liquida.

L’integratore alla passiflora può anche essere prescritto dal medico, come rimedio naturale, per pazienti che lamentano disturbi legati al sonno o all’ansia. Alla pianta di passiflora vengono attribuite proprietà antispastiche, quindi legate alla preservazione dell’integrità muscolare.

L’utilizzo comune degli integratori alla passiflora è legato principalmente all’azione altamente rilassante che ha questa pianta sull’organismo umano. Viene somministrato, quindi, come calmante naturale per le persone che soffrono di stress, di ansia, di insonnia e di sonno disturbato.

L’integratore alla passiflora viene assunto solitamente prima di andare a dormire, con abbondante acqua, ovviamente in base alla tipologia di integratore che si sta assumendo. È considerato, quindi, un rimedio notturno capace di favorire il riposo notturno duraturo.

Per aumentare l’efficacia di questo integratore, solitamente viene prescritto insieme ad altre tipologie di rimedi naturali, che contengono principalmente ingredienti a base di fiori di biancospino e foglie di valeriana. Esistono, infatti, molti integratori alimentari che combinano le proprietà di diversi elementi naturali come la passiflora, il biancospino, la melissa e la camomilla, per aumentare la risposta sull’organismo.

Gli effetti collaterali

Nonostante si tratti di un rimedio naturale che contiene ingredienti naturali, l’integratore a base di passiflora non può essere assunto da tutte le persone. Questo integratore viene utilizzato principalmente come sedativo naturale e rilassante, considerando le proprietà della pianta di passiflora.

Alla pianta vengono anche riconosciute proprietà antispastiche, quindi può essere utilizzata anche per calmare spasmi muscolari, quando non sono legati a patologie che pretendono cure farmacologiche. Nonostante ciò, esistono diversi effetti collaterali e controindicazioni legati all’utilizzo di integratori alimentari alla passiflora.

Questi effetti collaterali sono legati alla reazione che avrà l’organismo dopo e durante l’utilizzo di integratori a base di passiflora. Non è raro, infatti, che si presentino effetti collaterali come eccessiva sonnolenza o eccessiva sedazione.

Approfondimento

Possono presentarsi anche sintomi attribuibili ad una reazione allergica agli ingredienti contenuti nell’integratore, come: rash cutaneo, occhi rossi, eccessiva lacrimazione, starnuti, prurito al naso, respiro corto e tosse. Le controindicazioni legate all’utilizzo dell’integratore alla passiflora sono appunto legate alla possibile allergia alla pianta di passiflora.

L’uso di integratori a base di questa pianta è anche sconsigliato per le donne in stato di gravidanza e allattamento, e ai bambini di età inferiore ai 12 anni. È consigliato, comunque, di rivolgersi al proprio medico curante prima di iniziare qualsiasi tipologia di trattamento a base di integratori alimentari.

L’integratore con la passiflora, nonostante sia considerato un rimedio naturale e non presenti effetti collaterali particolari, non può essere utilizzato in diverse situazioni. Questo è possibile perché il principio attivo presente nelle foglie di passiflora, altamente calmanti e sedanti, può alterare la funzione di determinati farmaci.

integratore con passiflora

L’integratore con la passiflora, quindi, non potrà essere utilizzato quando si assumono farmaci sedativi, in quanto l’utilizzo della passiflora può aumentarne l’effetto e causare difficoltà a svegliarsi o a restare svegli. Non va utilizzato in caso di utilizzo di barbiturici, in quanto la passiflora può causare eccessiva sonnolenza e difficoltà di concentrazione.

La passiflora non può essere utilizzata in caso di farmaci anticoagulanti, in quanto il suo utilizzo può aumentarne gli effetti. La passiflora non può essere utilizzata nemmeno in concomitanza con la melissa, in quanto possono verificarsi situazioni di eccessivo sonno o eccessiva sonnolenza. Prima di iniziare qualsiasi utilizzo di un prodotto o un integratore con la passiflora è necessario, quindi, consultarsi col proprio medico curante.

Il frutto della passiflora: la maracuja, meglio conosciuto come il frutto della passione

Alcune specie di passiflora sono in grado di produrre un frutto, principalmente estivo, che ha il nome di maracuja. La maracuja è conosciuta anche come frutto della passione.

Il suo consumo è molto diffuso. Presenta un sapore molto particolare, un po’ aspro, ed è contenuto in diversi cocktail alcolici ed analcolici. Il frutto della passione è molto fresco, e può essere consumato anche da solo, a fine pasto. Questo frutto esotico fa molto bene all’organismo, in quanto ricco di fibre.

Si stima che la percentuale di fibre contenute in questo frutto si aggiri attorno al 30% del totale della polpa. Questo lo rende ottimo per abbassare notevolmente il colesterolo e protegge le mucose del colon.

Il frutto della passione contiene anche molte vitamine, principalmente vitamina A e vitamina C. Queste due vitamine contengono antiossidanti in grado di combattere i radicali liberi ed eliminarli.

Sono anche ottime per aumentare la difesa immunitaria dell’organismo e allontanano la possibilità di sviluppare cancro ai polmoni e alla gola. Il frutto della passione è anche ricco di sali minerali. Tra di essi troviamo: 

  • il potassio,
  • ferro,
  • magnesio, 
  • fosforo.

Esistono tanti impieghi ed utilizzi del frutto della passione, considerando la sua freschezza e il suo sapore particolare. È possibile, infatti, trovarlo in succhi di frutta ad alto apporto vitaminico, ma anche in diverse tipologie di gelato, sia artigianale che confezionato.

Articoli correlati