Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors

Come prevenire e curare i calli sulle mani da palestra

come prevenire e curare i calli alle mani da palestra

Quando si va in palestra in maniera frequente è molto comune notare la presenza di calli sulle mani. In particolare essi compaiono a chi si sottopone a degli allenamenti intenzioni, in particolare quando si pratica sollevamento pesi o si svolgono esercizi su attrezzi che richiedono un notevole utilizzo delle mani.

Sanno bene cosa vuol dire avere i calli sulle mani coloro che praticano Cross Fit. In tali soggetti inproblemi alle mani sono molto comuni per via degli esercizi alle sbarre.

I calli non solo sono antiestetici e molto fastidiosi, ma possono diventare anche particolarmente dolorosi, soprattutto se si lacerano. Per prevenirli è importante imparare ad impugnare gli attrezzi nella maniera corretta. L’alternativa è quella di imparare a prenderse cura.

Si rischia uno stop forzato

Nonostante i calli alle mani sia una problematica con cui gli atleti che si sottopongono a degli allenamenti intensi, devono imparare a convivere, ci sono dei casi in cui sono fonte di uno stop forzato. Non di rado essi si presentano come lacerazioni molto dolorose. 

In alcuni casi, quando proprio non si è stati in grado di prevenirne la comparsa, l’atleta è costretto a stare fuori gioco, almeno fino a quando la ferita non si sarà rimarginata. Una problematica questa che si può verificare sia con lesioni piccole che grandi, in quanto il loro fastidio non dipende dalle dimensioni.

Per evitare di doversi fermare, soprattutto se si è atleti professionisti, è importante prevenire la comparsa dei calli affinché le mani restino comunque in buona salute. In genere le lacerazioni più fastidiose sono provocare dai calli che si formano a distanza di poco tempo da quando si inizia a praticare lo sport e si fanno quelli che in gergo tecnico sono chiamati pull-ups.

I calli in tali casi restano intrappolati fra la sbarra e le dita e con il tempo e nel corso dell’allenamento si lacerano. Da una parte si raccomanda di prevenire la comparsa della problematica, dall’altra si cercano dei rimedi efficaci.

La prevenzione per i calli sulle mani

Per quello che riguarda la prevenzione essa inizia prima dell’allenamento e continua anche durante. Non sono pochi i ginnasti che insegnano come sia estremamente importante prevenire la comparsa dei calli, che a dispetto di quello che si può pensare, possono essere una problematica non di poco conto, soprattutto in vista di una gara. 

Quindi è chiaro che prendersi cura delle proprie mani, evitando che la loro pelle si secchi è importantissimo. Proprio per questo motivo, il primo atto di amore che si può fare verso le proprie mani è l’utilizzo di una crema mani protettiva ed idratante, soprattutto nei mesi più freddi, da applicare prima e dopo l’ingresso in palestra.

Se nonostante la prevenzione si noti la comparsa di calli, allora in questo caso, dalla prevenzione è indispensabile passare al trattamento dei calli. Si consiglia quindi di limare quelli in eccesso utilizzando una pietra pomice o un leva calli che può essere sia manuale che a batteria. 

Per evitare che durante l’allenamento si rompano, si consiglia poi di indossare delle protezioni per le mani. Le soluzioni sono molte e in realtà non ne esiste una che sia meglio dell’altra, in genere si tratta di una scelta molto personale che dipende dalla tipologia di esercizio che si compie e dal grip che si cerca all’attrezzo.

cure per i calli alle mani da palestra

In ogni caso, sono molto apprezzate e comunque anche efficaci i paracalli o quelli che vengono chiami manine, molto utilizzate sia nei pesi che nella ginnastica per chi si allena alle parallele. I guanti in effetti sono una soluzione che non convince molti, ma occorre dire che sono comunque molto efficace.

Li si consiglia però, non a chi ancora non è esperto, ma a chi si allena già da tempo e anche con i guanti riuscirà ad avere una buona presa dell’attrezzo per evitare che vi siano degli incidenti durante l’allenamento.

Come eliminare il callo da palestra

C’è bisogno di ammettere e di sottolineare che i calli sono fastidiosi si che si sia un atleta oppure no. Non a caso, il callo alle mani viene definito come callo dello scrittore.

Una protuberanza si pelle morta che si forma per via della pressione e della frizione di sfregamento. Una protuberanza che in genere, a meno che non si rompe, non è dolorosa, ma sicuramente molto fastidiosa.

Occorre infatti sottolineare come esso sia una forma di difesa dell’organismo e quindi occorre intervenire in maniera specifica nel momenti in cui di forma. Se applicare una crema idratante ammorbidente non è sufficiente, in farmacia ci sono anche dei rimedi specifici.

Come spesso succede però, vi sono anche dei rimedi, che si possono definire “della nonna” completamente naturali e che sembrano estremamente efficaci per la rimozione del callo. Innanzitutto il primo consiglio per eliminare i calli in maniera naturale è l’aglio, ottimo rimedio, lo si taglia a metà e si strofina sulla pelle.

Si consiglia quindi di avvolgere metà dell’aglio in una benda e legarla attorno al callo prima di andare a dormire, in modo che tutta la notte possa agire ed eliminarlo definitivamente. Altrettanto efficace è la farina d’avena, un naturale esfoliante.

Si fanno bollire 100 g di farina in acqua e poi di filtra il liquidi in cui andare poi ad immergere le mani per circa 15 minuti, per ammorbidirle e per rendere la rimozione del callo molto più semplice. Anche la liquirizia risulta essere efficace, per via del suo effetto antinfiammatorio e antimicronico.

Si procede con 4 cucchiai di polvere di liquirizia da sciogliere nell’olio, in questo modo di potrà ottenere una pasta da applicare sul callo e fasciare per tutta la notte, lasciandola agire durante il riposo. Un potente antiossidante come la cipolla può essere d’aiuto se la si chiude in una garza e la si lascia agire, come l’aglio visto in precedenza.

L’olio di trementina lenitivo e antinfiammatorio lo si utilizza immergendovi un panno e applicandolo poi sulla zona da trattare. Più aggressiva è invece la pietra pomice che è in grado di togliere la pelle morta.

Ovviamente essa va utilizzata solo dopo aver ammorbidito la pelle, altrimenti si rischia di creare delle lesioni sulla pelle. In questo caso si consiglia di procedere con dei movimenti circolari sui lati del callo.

L’ananas aiuta ad eliminare i calli grazie alla presenza di bromelina al suo interno, essa è in grado di eliminare l’indurimento della pelle. L’utilizzo è lo stesso che si fa della cipolla. Se ne applica un pezzo sul callo e poi di fascia, lasciando agire tutta la notte.

Infine si può andare a creare una pasta di bicarbonato di sodio con dell’acqua. Ci si aggiunge del succo di lime e si applica sul callo.

Quindi coprire con una garza e lasciar agire per tutta la notte.

Trattamento del callo che si rompe

Nonostante la prevenzione che si possa fare e tutte le dovute indicazioni fornite per far riassorbire il callo, è possibile che inavvertitamente esso si rompa. Il fastidio sarà sicuramente molto e per evitare che la ferita si infetti o che per la sua guarigione occorra un tempo eccessivo, si consiglia di trattare la ferita nella maniera migliore.

Per permettere alla ferita di guarire velocemente sarà sufficiente seguire alcune semplici indicazioni. Innanzitutto è opportuno lavarsi accuratamente le mani, per evitare infezioni.

Solo successivamente si potrà procedere trattando la zona con del disinfettante. Asciugare la mano delicatamente poi applicare delle pomate o degli spray cicatrizzanti che aiutano la guarigione veloce ed efficace della ferita.

In genere si tratta di prodotti che vengono venduti senza alcuna prescrizione medica ma che sono molto efficaci. Ovviamente non si parla di sostanze miracolose e quindi occorrerà comunque procedere con l’applicazione per alcuni giorni, al fine di riuscire a favorire la cicatrizzazione.

Inoltre nonostante l’esistenza di prodotti che possono aiutare la cicatrizzazione, si consiglia di prevenire comunque la comparsa dei calli, per evitare fastidiosi problemi e blocchi della propria attività sportiva.

Allenarsi anche con una ferita da calli

Ci sono poi casi in cui le ferite da calli si verificano proprio prima di una gara importante. Ecco in questo caso occorre sapere come è possibile allenarsi anche con una ferita da calli.

Il consiglio che si può dare è quello di mettere una sorta di barriera tra la ferita e la barra che poi si andrà ad afferrare. La scelta migliore sarebbe quella di utilizzare un cerotto medico molto sottile che non vada in alcun modo ad alterare l’utilizzo della barra e la sensibilità della proprio presa.

Purtroppo occorre dire che né si riuscirà a prevenire il dolore che la presa potrebbe provocare né le problematiche di cui il cerotto può essere causa. I cerotti tendono a staccarsi durante il sollevamento peso, quindi si consiglia di applicare anche del nastro adesivo, per tenere il cerotto fermo.

I guanti tanto sconsigliati, in questo caso possono essere veramente di grande aiuto, soprattutto se si vuole comunque continuare a praticare sport onestante l’infortuno. Dopo la gara e la doccia, applicare sulla ferita una crema antibatterica e un cerotto, al fine di rendere la guarigione della lesione più veloce e anche più semplice.

Articoli correlati