Carenza e perdita di energia: cause e rimedi principali

perdita di energia - perchè accade

La perdita di energia è una condizione comune a moltissime persone diverse: sono moltissime le cause che possono portare a questa condizione, così come tanti sono i modi di risolverla. Certo, può sicuramente capitare a tutte le persone di vivere dei periodi intensi nel corso della propria vita: questi portano spesso a sentirsi senza forze, fisicamente stanchi, esausti mentalmente, sovraccaricati e completamente abbattuti.

In realtà, ci sono delle persone molto più soggette a quella che può essere la perdita di energia, e ciò le persone altamente sensibili: si tratta delle persone che vivono l’esperienza della vita in molto molto più profondo ed intenso rispetto alla medica. In ogni caso, però, ci sono moltissime cause che possono portare a sentirsi privi di energie e molto stanchi: ci sono cause note, e ci sono poi delle cause che molte persone non prendono in considerazione.

Tra le cause più note ci sono sicuramente un forte stress oppure un’alimentazione alterata, mentre le cause meno note saranno esplicate nel corso di questa guida. La cosa più importante da dire è sicuramente il fatto che si tratta di fattori molto subdoli, in quanto questi agiscono nell’ombra, e questo non permette al soggetti di accorgersene.

Il primo fattore della perdita di energia

La prima cosa che c’è da dire in merito alla perdita di energia è sicuramente il fatto che questa non è legata solamente a delle cause fisiche ed organiche: ci sono dei casi in cui l’estrema stanchezza viene causata da fattori appartenenti alla sfera del comportamento o a quella dei sentimenti. Una delle prime cause che portano a sentirsi privi di energie è sicuramente il fatto che non si conoscono bene quali sono i propri desideri.

Ci sono moltissime persone che passano la propria vita a compiere delle attività o a perseguire degli obiettivi che non interessano in modo genuino: questo causa non solo una perdita di tempo, ma anche una perdita della propria vitalità. Non conoscere i propri desideri porta a combattere delle battaglie che non si avverte come proprie, ed anche quando si raggiungono dei traguardi importanti, questi non sono avvertiti come propri.

È proprio per questo motivo che è importantissimo avere una maggiore conoscenza e consapevolezza di quelli che sono i propri obiettivi ed i propri desideri personali, anche se sono impossibili, banali oppure discutibili. Nel momento in cui si individuano quelli che sono i propri desideri, diventa possibile interrompere il circolo di stanchezza e soprattutto ritrovare le moltissime energie che si sono perse.

Ansia e perdita di energia

Sono  numerose le cause che possono portare a sentirsi svuotati, privi della propria energia: spesso si tratta di cause come lo stress oppure un’alimentazione sbilanciata, mentre in altri casi ci sono altri fattori. Un legame importante che non deve essere sottovalutato è sicuramente quello tra ansia e perdita di energia: l’ansia è uno dei fattori principali di questa condizione psicofisica.

Quando si parla dell’ansia, si fa rifermento ad una risposta che il corpo e la mente forniscono quando ci si sente sopraffatti oppure spaventati da quelle che sono delle cause interne oppure esterne al corpo. Sono moltissime le ragioni per le quali ci si può sentire in ansia, come il lavoro, la scuola, l’università, i propri doveri nei confronti della propria famiglia oppure anche una malattia: stare in ansia è però molto dispendioso in termini di energia.

Approfondimento

Moltissimi studi affermano infatti che le persone che soffrono maggiormente di ansia, sono quelle che si sentono sempre più stanche e più scariche: questo è dato dal fatto che il corpo risente moltissimo dell’ansia. Stare in ansia spesso causa delle ripercussioni a livello fisico: chi soffre di ansia ha spesso il fiato corto oppure la mente offuscata.

Voler fare troppe cose… tutte insieme

L’ansia è quindi un fattore che non deve essere assolutamente ignorato quando si parla di perdita di energia: tuttavia, ci sono anche altre cause che portano ad avvertire tale condizione. Un altro fattore che porta a sentirsi privi di energie è quello di essere troppo multitasking: ci sono moltissime persone che sono certe di essere estremamente efficienti quando riescono a fare più cose contemporaneamente.

Queste persone ignorano il fatto che il corpo umano non è progettato per fare più cose in contemporanea, e quando si trova sottoposto a questa evenienza, esso consuma molte più energie del previsto. Di conseguenza, passare in continuazione da una cosa all’altra causa uno stress del sistema nervoso, facendo bruciare moltissime energie che dovrebbero essere anche impiegate per altro.

cause della perdita di energia

Per questa ragione, si consiglia di iniziare un task e portare quest’ultimo a termine, prima di passare a quello successivo: quando si devono raggruppare più attività, si consiglia di riunire tra di loro quelle più simili l’una all’altra. In questo modo, la perdita di energia sarà sicuramente minore e ci si sentirà molto più forti e sicuri di se.

Mancanza di priorità

Non ci sono dubbi sul fatto che sono moltissime le cause che portano il corpo umano a perdere le proprie energie: l’ansia, lo stress, il desiderio di fare troppe cose tutte insieme, la mancanza di obiettivi o di sogni… A tale proposito, è possibile affermare che un abbassamento delle proprie energie può essere causato anche dalla mancanza di priorità all’interno della propria vita.

Infatti, quando una persona assegna la stessa priorità a tutte le cose che deve fare o a tutte le cose presenti all’interno della propria vita, inevitabilmente si crea una confusione enorme, e tutte le energie che si hanno a disposizione si bruciano in pochissimo tempo. A questo proposito, diventa di fondamentale importanza creare un ordine delle proprie azioni, in base a quella che è la prominenza di ognuna di esse.

Quindi, devono essere compiuti in primo luogo gli impegni più urgenti e necessari, progredendo poi verso tutte le cose che possono aspettare o il cui raggiungimento può attendere. Un consiglio che moltissimi esperti del comportamento danno è quello di creare una lista di cose da fare ogni giorno ed ogni mese: inoltre, scrivere i propri compiti su un pezzo di carta aiuta anche ad eliminarli dalla propria mente, lasciando spazio ad altre cose all’interno della testa.

Come recuperare le energie perse

Ci sono altre due cause che possono portare ad avvertire una perdita di energia, ovvero vivere nel caos ed anche volere dire sempre di si a tutto. Per quanto riguarda il primo fattore, vivere in quelli che sono degli habitat caotici o troppo disordinati può portare ad un’enorme perdita di energia: questo è causato dal fatto che in questo tipo di situazioni si passa moltissimo tempo a cercare delle cose difficili da trovare.

Passare molto tempo a cercare delle cose senza trovarle porta ad un esaurimento nervoso, ma anche ad arrabbiarsi: inoltre, il caos esteriore causa inevitabilmente anche il caos all’interno del corpo, e questo prosciuga le energie.

Dunque, tenere in ordine la propria casa, la propria camera e la propria scrivania permetterà di non avere una perdita troppo grande di energia: inoltre, moltissimi sondaggi hanno evidenziato che moltissime persone servono a calmarsi e rigenerarsi.

Per quanto riguarda il secondo fattore, non ci sono dubbi che chi non dice mai di no alle richieste che gli vengono fatte, arriva alla fine della propria giornata veramente stanchissimo, e ancora pieno di cose da fare.

Dunque, non ci sono dubbi che essere disponibili e gentili sia una prerogativa importante, ma è anche vero che è impossibile fare tutto solamente nel corso di 24 ore. In conclusione, a volte può essere utile dover dire di no, al fine di preservare le proprie energie fisiche, ma anche mentali.

Articoli correlati