Come combattere l’ansia e stress: cause, sintomi e rimedi

come contrastare ansia a stress

L’ansia e lo stress sono due condizioni che moltissime persone conoscono in prima persona, in quanto colpiscono la maggior parte della popolazione: si tratta di patologie che purtroppo sono difficili da combattere e rendono la vita molto difficile. Contrariamente a quanto moltissime persone pensano, ansia e stress non sono la stessa cosa: si tratta di due patologie ben distinte, che però spesso possono presentarsi insieme.

Le principali cause di ansia e stressCause
LavoroCome la disoccupazione o un carico elevato di lavori, pensione, ecc..
FamigliaCome il divorizio, problemi di relazioni…
Problemi personaliCome problemi economici, affrontare un lutto, bassa autostima

Le persone che soffrono di ansia possono soffrire spesso anche di stress, così come le persone stressate spesso si trovano a vivere anche dei periodi di fortissima ansia: insomma, è innegabile che si sia un legame tra le due condizioni. In ogni caso, si tratta di condizioni che sono scaturite da fattori ben precisi e che possono essere contrastate se si ricorre all’utilizzo di una giusta strategia e di una cura appropriata.

Prima di tutto, è necessario però comprendere quali sono le caratteristiche dell’ansia e dello stress, per poi analizzarne le cause: una volta conosciute le cause, è possibile studiare un modo per contrastare queste condizioni così comuni. In questa guida, verranno illustrate caratteristiche, cause e sintomi di entrambe.

Caratteristiche principali

Quando si parla dell’ansia, si fa riferimento ad uno stato emotivo sgradevole che si presenta in moltissime situazioni della vita degli esseri umani: spesso, questa viene descritta come una sensazione di preoccupazione, inquietudine e tensione psicofisica. Solitamente, l’ansia si trasforma in una vera e propria paura: è possibile distinguere due tipologie di ansia, ovvero l’ansia fisiologica e quella patologica.

In merito all’ansia normale, ovvero l’ansia di allarme o fisiologica, è possibile dire che si tratta di uno stato di tensione fisica e psicologica che porta ad un’attivazione generale di tutte quelle che sono le risorse di un individuo. Questa si dirige contro uno stimolo che esiste realmente, che spesso è ben noto, e che è caratterizzato da condizioni inusuali ma anche difficili.

Invece, per quanto concerne l’ansia patologica, è possibile affermare che questa disturba in modo abbastanza notevole quello che è il funzionamento della psiche, portando ad una minore capacità di adattamento del soggetto che ne è colpito.

Questa si caratterizza di un’incertezza nei confronti degli avvenimenti futuri: tuttavia, ci sono anche casi in cui l’ansia patologica è vaga, quindi non è causata da un fattore scatenante preciso, oppure riguarda dei fattori determinati e ben noti. Ansia e stress spesso possono essere confusi, ma non sono la stessa cosa.

Sintomi fisici di ansia e stress

Molte persone, come si è detto, tendono a pensare che ansia e stress siano la stessa patologia, ma non è così: tuttavia, ci sono dei sintomi fisici che ansia e stress hanno in comune, e che causano questa diffusa confusione. Per quanto riguarda i sintomi dell’ansia, è possibile parlare di sintomi che colpiscono specialmente il sistema nervoso autonomo, che non sarebbe altro che il sistema nervoso che non è controllato dalla volontà del soggetto.

Per quanto riguarda questi sintomi, è possibile riconoscere tra loro il senso di pericolo o di paura imminente, la paura di perdere il controllo, la paura di morire, la tensione interna soggettiva, l’evitamento, la paura di impazzire, l’impossibilità di rilassarsi. E ancora, è possibile menzionare altri sintomi come ad esempio l’ipervigilanza, l’apprensione, l’inquietudine e così via…

Per quanto riguarda i sintomi psicologici dell’ansia, è possibile riconoscere delle preoccupazioni eccessive per delle questioni secondarie, la difficoltà a concentrarsi, l’irritabilità, l’impazienza, la depersonalizzazione e la derealizzazione, problemi con il sonno e problemi della memoria. Inoltre, ci sono anche dei sintomi neurodegenerativi come la difficoltà di respirazione, il senso di oppressione al torace, la dispnea, il respiro accelerato, il dolore al torace, le vertigini… Molti di questi sintomi sono tipici anche dello stress.

Informazioni importanti

Come anticipato, anche se molto simili e spesso concomitanti, ansia e stress hanno delle caratteristiche molto diverse l’una dall’altra: ecco quali sono le caratteristiche che contraddistinguono lo stress. Quando si parla dello stress, si fa riferimento ad una condizione che altro non è che una risposta psicofisica a quello che è un carico eccessivo (secondo il soggetto) di compiti cognitivi, emotivi e sociali.

Questo termine fu utilizzato per la prima volta nel 1936 dallo studioso Hans Selye, il quale definì questa condizione come una “risposta aspecifica tipica dell’organismo a quelle che sono le richieste effettuate su di esso”. Secondo il modello dello studioso, il processo dello stress è composto da tre diverse fasi:

  • fase di allarme: il soggetto manifesta la grande mole di dovere e quindi mette in moto le sue risorse per compiere questo dovere;
  • fase di resistenza: l’individuo stabilizza le condizioni in cui si trova, cercando di adattarsi al nuovo tenore di richieste;
  • fase di esaurimento: in questa fase è possibile vedere la caduta delle difese e la comparsa di diversi sintomi emotivi, fisiologici e fisici.

In base alla durata dello stress, è possibile suddividerlo in stress acuto e stress cronico.

Sintomi dello stress

Ansia e stress, come si è visto in precedenza, sono due condizioni che spesso vengono scambiate tra di loro perchè alle volte presentano gli stessi sintomi. In generale, è possibile suddividere quelli che sono i sintomi tipici dello stress in quattro categorie diverse: sintomi fisici, sintomi comportamentali, sintomi emozionali e sintomi cognitivi.

Per quanto riguarda i sintomi fisici più comuni dello stress è possibile menzionare il mal di testa, il dolore alla schiena, l’indigestione, la tensione del collo e delle spalle, il dolore allo stomaco, la tachicardia, la sudorazione eccessiva delle mani, le vertigini, la stanchezza, la perdita di appetito e anche l’agitazione e l’extrasistole. Invece, tra i sintomi comportamentali dello stress è possibile annoverare: attitudine alla prepotenza, digrignare di frequente i denti, aumento nel consumo di alcolici, aumento nel consumo di cibo (o anche fame nervosa).

come combattere ansia a stress

Ancora, le persone che soffrono di stress non riescono spesso a portare le cose a termine e criticano spesso gli altri. Ci sono poi diversi sintomi emozionali collegati allo stress, come il pianto, un fortissimo senso di pressione, la rabbia, il nervosismo, l’ansia, un sentimento di assenza di motivo di vivere; ancora, molte persone stressate, soffrono di solitudine, tensione, infelicità, senso di impotenza, costante agitazione.

Infine, tra i sintomi cognitivi dello stress ci sono: impossibilità nelle decisioni, dimenticare spesso le cose, distrarsi facilmente, mancanza di creatività, perdita di memoria, perdita dell’umorismo, costante preoccupazione.

Come contrastare stress e ansia

Sono veramente moltissimi i sintomi che ansia e stress hanno in comune, e quindi, per questo motivo, è molto facile che le due condizioni vengano scambiate tra di loro. Solitamente, le persone che sono sottoposte ad un fortissimo stress, spesso iniziano a soffrire di ansia: quindi, si può dire che spesso l’ansia è una conseguenza di un forte stress opprimente.

Per quanto riguarda la cura per l’ansia e lo stress, in realtà la prima cosa che bisogna fare è scoprire qual è quell’evento o quell’elemento che ha scaturito questo sentimento per la prima volta: successivamente, una volta individuato, si può iniziare a lavorare su quest’ultimo. Solitamente, si consiglia di compiere questo percorso accompagnati da uno psicologo o da un terapeuta, in modo da non sbagliare lungo la strada e di combattere al meglio questi demoni.

Ovviamente, si tratta di una cosa che non tutti possono permettersi, e per questo motivo ci si può anche appoggiare ad altre strategie nei momenti di ansia e stress più forti. Ad esempio, moltissime persone ricorrono alle tecniche di respirazione: queste tecniche sono in grado di alleviare il senso di oppressione toracica causato da ansia e stress, facendo tornare l’individuo che le pratica ad uno stato di calma e rilassatezza.

Fonte

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33412831/

Articoli correlati